Post

L’Europa che riparte dai bambini e dalle scuole

Immagine
Asilo Nido "Cip e Ciop"
di Molinella (BO) - Italia


di Michele Simone




Questa è la storia di Aurora e Marco, due giovani italiani, che abitano a Molinella, città di oltre quindicimila abitanti, situata ad una quarantina di kilometri da Bologna, capoluogo della regione Emilia-Romagna, nel Nord Italia.
Aurora e Marco si sposano nella primavera del 2012 ma di lì a poco accade qualcosa destinato a cambiare la loro vita (e anche quella di altre migliaia di persone).
Domenica 20 maggio 2012, alle ore 04:03, nel pieno della notte, una scossa di terremoto, di magnitudo 5.9, squarcia l’Emilia. Nove giorni dopo, martedì 29 maggio 2012, alle ore 09:00, mentre le persone sono a scuola o al lavoro, un’altra scossa, di magnitudo 5.8, colpisce di nuovo l’Emilia. Il terremoto causa 27 vittime e ingenti danni ad edifici, monumenti storici, luoghi di interesse artistico, nelle province di Mantova, Modena, Reggio Emilia, Ferrara e Bologna.
Tra gli edifici colpiti dal terremoto vi è anche l’Asilo Nido…

Futuri Maestri: uno spettacolo davvero straordinario

Si è conclusa domenica 11 giugno l’ultima replica dello spettacolo Futuri Maestri, realizzato dal Teatro dell’Argine e andato in scena al Teatro Arena del Sole di Bologna, per ben nove sere di fila.
Il progetto Futuri Maestri non è stato però solo uno spettacolo, ma anche interviste, incontri, laboratori, eventispeciali, mostre, che da due anni a questa parte hanno coinvolto migliaia di persone, soprattutto giovani e bambini.
Lo spettacolo, in cui hanno recitato oltre mille bambini e bambine, ragazzi e ragazze, è stato assolutamente un capolavoro. Difficile non rimanerne impressionati, ammirati, emozionati.
Uno spettacolo coinvolgente, potente: il pubblico non può esserne estraneo, esente. Uno spettacolo che tocca l’anima, che arriva al cuore. Uno spettacolo che ti cambia: dopo averlo visto non sei più la stessa persona. Perché d’altronde il teatro è il luogo del contagio e ora siamo in molti ad essere appestati.
Contageremo il mondo, porteremo il “ce l’hai” ovunque, combatteremo la peste…

Futuri Maestri: nove sere di spettacolo all'Arena del Sole

Dal 3 all’11 giugno mille ragazzi e ragazze tra i 3 e i 18 anni vanno in scena con il progetto Futuri Maestrial Teatro Arena del Sole di Bologna.
Il progetto, del Teatro dell’Argine, ha proposto anche una mostra, cinque serate speciali, decine di percorsi laboratoriali, e ora appunto anche nove sere di spettacolo.
Il progetto è nato dopo Le Parole e la Città (vincitore del premio Nico Garrone 2015 e finalista del premio Ubu 2015), con lo stesso impegno e con lo stesso sguardo.
FuturiMaestri ha coinvolto, a partire da ottobre 2015, istituzioni culturali, scuole, personaggifamosi come Michela Murgia, Roberto Savianoe Daniel Pennac, lavorando su cinque parole importanti: amore, guerra, lavoro, crisi, migrazione.
Infine uno spettacolo teatrale, frutto del lavoro che i drammaturghi professionisti del Teatro dell’Argine hanno fatto con i giovanissimi partecipanti nel corso di un anno di laboratorio teatrale. I mille ragazzi e ragazze non sono soli sul palco, dove infatti entrano in azione an…

La finale dell’Eurovision Song Contest 2017: la scaletta

Questa sera, sabato 13 maggio 2017, si svolgerà la finale della 62^ edizione dell’Eurovision Song Contest, importantissimo annuale concorso canoro europeo.
Quest’anno, dopo la vittoria dello scorso anno, in Svezia, di Jamala, cantante ucraina, con la canzone “1994”, l’evento si tiene all’International Exhibition Centre, nella città di Kiev, in Ucraina.
Per l’Italia è in gara Francesco Gabbani, vincitore del Festival di Sanremo 2017, con la sua “Occidentali’s Karma”.
La trasmissione in Italia andrà in onda su Rai 1 a partire dalle ore 20.35.
La prima semifinale
La prima semifinale dell’Eurovision Song Contest 2017 si è svolta martedì 9 maggio 2017.
Paesi in gara (in ordine di uscita): Svezia, Georgia, Australia, Albania, Belgio, Montenegro, Finlandia, Azerbaigian, Portogallo, Grecia, Polonia, Moldavia, Islanda, Repubblica Ceca, Cipro, Armenia, Slovenia e Lettonia.
Paesi eliminati (8): Georgia, Albania, Montenegro, Finlandia, Islanda, Repubblica Ceca, Slovenia e Lettonia.
Paesi che accedono all…

Macron è il nuovo presidente della Francia

Domenica 7 maggio 2017 si è svolto il secondo turno delle elezioni presidenziali francesi, che ha visto il ballottaggio tra i due candidati più votati al primo turno, svoltosi lo scorso 23 aprile: Emmanuel Macron e Marine Le Pen. Emmanuel Macron, del movimento En Marche, al primo turno aveva ottenuto il 24,0% dei voti, mentre Marine Le Pen, del Front National, aveva ottenuto il 21,3%.
Nella giornata di domenica 7 maggio i seggi si sono aperti alle ore 8 e si sono chiusi alle ore 19 (in alcune grandi città anche più tardi). Alle ore 20 i primi exit poll: Macron all’incirca al 65% e Le Pen all’incirca al 35%. Subito nella piazza del Louvre, luogo di ritrovo dei sostenitori di Macron e dove questo avrebbe tenuto il discorso, è cominciata la festa. Marine Le Pen ha riconosciuto la sconfitta (“I francesi hanno votato la continuità”), mentre Macron ha tenuto un discorso alla nazione, formale, serio, davanti alle telecamere. In seguito sono cominciate le operazioni di spoglio dei voti, che ha…

Intervista a Valeria Campagna: “Siate cittadini attivi”

È il 5 giugno 2016 e a Latina, al primo turno delle elezioni amministrative, una ragazza di 18 anni, candidata al consiglio comunale, ottiene 256 voti, che le permettono, due settimane dopo, il 19 giugno, grazie alla vittoria, al ballottaggio, della lista di cui fa parte (Latina Bene Comune), di diventare consigliere comunale. Questa ragazza, che ora ha 19 anni (20 ad agosto), si chiama Valeria Campagna.
Ho avuto l’occasione di intervistarla.
In che modo è nato l’interesse per la politica?
La passione per la politica è nata dalla scuola. Già dal primo anno di liceo mi sono iscritta ad un’associazione studentesca interessandomi alle problematiche e alle esigenze degli studenti. Negli anni successivi mi sono candidata come rappresentante di istituto e dal terzo anno sono stata eletta come rappresentante, ruolo che ho inteso come servizio per la mia comunità scolastica. Quello del servizio è uno dei valori fondamentali che mi è stato trasmesso dall’ambiente degli scout dove sono cresciuta i…

Intervista ai ragazzi di Casa Surace

Con milioni di fans e seguaci su Facebook, Instagram e YouTube, è una casa (2 stanze da letto, 2 bagni, un ampio salotto ed una cucina abitabile) di produzione conosciutissima in tutta Italia, sia al Sud che al Nord.
Ovviamente si sta parlando di Casa Surace.
I fondatori, amici da una vita, vengono dal mondo del cinema, del teatro e della comunicazione. Incuriositi dal modo in cui i contenuti video possono essere prodotti e distribuiti sul web, e dalla libertà che la rete offre, hanno dato vita a Casa Surace s.r.l. “Del resto – come da loro dichiarato – non è stato difficile fondare una casa di produzione, avendo già una casa!”
Di seguito la surreale e divertente intervista ai ragazzi di Casa Surace.
Come nasce Casa Surace?
Casa Surace nasce in una casa, ad aprile del 2015. Esattamente una settimana dopo la pubblicazione del video La Pasqua ai tempi dei social networkche raggiunse più 10000000 di visualizzazioni su Facebook. Dopo il risultato di questo video abbiamo capito che forse l’unic…

Piccola guida sulle elezioni in Francia

Breve guida per saperne di più sulle elezioni francesi di domenica.
Quando si vota
Domenica 23 aprile oltre 45 milioni di francesi voteranno per il primo turno delle elezioni presidenziali e l’eventuale secondo turno si terrà il prossimo 7 maggio.
Come si vota
Il Presidente francese è eletto a suffragio universale diretto. Nel primo turno i cittadini votano per il candidato preferito. Se nessun candidato raggiunge il 50 per cento più uno dei voti, i due candidati più votati accedono al ballottaggio. Il candidato più votato al secondo turno è eletto Presidente. I candidati in tutto sono 11, ma di fatto solo 5 otterranno percentuali di voti rilevanti.
I candidati principali
Emmanuel Macron   (Centro)
39 anni, originario di Amiens, sposato con Brigitte Togneux. Ex segretario generale all’Economia dell’Eliseo sotto la presidenza Hollande ed ex ministro dell’Economia durante il governo socialista di Manuel Valls, tra il 2014 e il 2016. Candidato alla presidenza per il movimento En March! (In cam…

Un giorno con il Sindaco

Nella giornata di sabato 11 febbraio 2017 ho partecipato all’iniziativa Un giorno con il Sindaco presso il Comune di Molinella (BO).
L’iniziativa (approvata dalla Giunta Comunale lo scorso settembre) si propone di rendere i cittadini maggiorenni di Molinella direttamente partecipi della vita istituzionale del Comune, affiancando il Primo cittadino, per una giornata, nei suoi impegni quotidiani.
Così io, affiancando il Sindaco Dario Mantovani, ho partecipato a riunioni interne, ho incontrato cittadini, ho fatto sopralluoghi sul territorio molinellese, ho visitato i vari luoghi dell’edificio comunale, ho conosciuto e dialogato con i numerosi, simpatici e validi impiegati comunali.
È stata un’esperienza davvero interessante, e anche utile, per capire meglio come sono e come funzionano le varie dinamiche all’interno di un ente complesso qual è il Comune.
È un’esperienza che consiglio a tutti, soprattutto ai giovani.

Io e Roberto Saviano

Martedì 6 dicembre2016 ho visto, ascoltato e incontrato Roberto Saviano.
In mattinata ha tenuto una lezione di un’ora nell’AulaMagna Santa Lucia dell’Università di Bologna, davanti a un migliaio di studenti, che gli hanno dimostrato stima e affetto, con anche una standing ovation finale.
Nella sua lectio, intitolata “Il racconto del reale. La narrazione del Potere tra il web e la strada”, ha trattato diversi argomenti, sottolineando in particolare la potenza delle parole.
Ha mostrato quanto è potente un lettore, ancor più di uno scrittore, e quanto è importante l’aspetto comunicativo nel rapporto tra le persone, specialmente tra le persone comuni e chi detiene il potere. E in particolar modo quando entrano in gioco i social, dove si perpetua la superficialità e la sbagliata regola del “tutto e subito”.
A questo proposito Saviano ha invitato i giovani presenti a “smettere di essere banali, semplici, superficiali”, a “cercare invece di essere complessi”, a “ricercare la bellezza della compl…